Background Color:
 
Background Pattern:
Reset
it-ITen-US
it-ITen-US
Ricerca

News di settore - da Indexfood.it

Wieninger Ruperti Pils, eccellenza bavarese

Wieninger Ruperti Pils, eccellenza bavarese
IndexFood.

Wieninger Ruperti Pils, una delle tedesche più apprezzate

logo Interbrau

È una delle Pils più apprezzate nel panorama tedesco grazie alle proprie caratteristiche: fresca, scorrevole, dissetante ed equilibrata, ma con un bel carattere luppolato.

Scopriamo da vicino Wieninger Ruperti Pils!

Ruperti PilsQuando, nell’Ottocento, il mondo della birra venne stravolto dalla selezione del lievito a bassa fermentazione e dall’invenzione di un sistema per essiccare il malto d’orzo senza tostarlo eccessivamente, permettendo di produrre varianti più chiare, i mastri birrai bavaresi furono tra i primi a capire e cogliere le potenzialità delle nuove Pilsner, nate nella vicina Boemia.

Tra questi ce n’era uno, attivo già da secoli nella cittadina di Teisendorf ed acquistato dalla famiglia Wieninger nel 1813, che fu capace di mettere a punto negli anni una delle ricette di maggior successo in questo stile: Wieninger Ruperti Pils.

Tipico esempio di Pilsner alla tedesca, Ruperti Pils fa dell’equilibrio, della briosità e del carattere luppolato i propri punti di forza.

Rinfrescate e dissetante come la purissima acqua di fonte con cui viene prodotta, questa birra storica è facile da bere per l’armonia tra le note di malto d’orzo e la luppolatura, decisa ma mai invadente, e grazie ad un corpo leggero aiutato da una vivace effervescenza.

Particolarmente invitante anche l’aspetto con un bel colore dorato limpido e una ricca schiuma bianca e persistente.

birrificio WieningerIdeale abbinamento al finger food da aperitivo, grazie al suo sapore deciso Wieninger Ruperti Pils accompagna bene salumi, formaggi, primi piatti leggeri ma anche seconde portate di carne bianca o pesce, risultando a dir poco eccezionale con una buona pizza.

Visita il sito di Interbrau

martedì 10 luglio 2018/Autore: Indexfood/Numero di visualizzazioni (30)/Commenti (0)/
Tags:

Domenica 29 luglio a Sutrio si ritorna al passato con “Fasjn la mede”

Domenica 29 luglio a Sutrio si ritorna al passato con “Fasjn la mede”
IndexFood.

Domenica 29 luglio nei prati dello Zoncolan in Carnia
I lavori della fienagione e un piacevole percorso gastronomico negli stavoli

logo carnia

Torna anche quest’anno a Sutrio, in Carnia, la tradizionale manifestazione “Fasjn la mede”, ovvero “Facciamo i covoni di fieno”. L’appuntamento è sui prati del monte Zoncolan domenica 29 luglio.

L’inconsueta festa è nata per ricordare, e soprattutto far conoscere alle ultime generazioni ed ai turisti, uno dei più diffusi fra gli antichi lavori della montagna carnica, ovvero la fienagione in montagna, dalla falciatura dell’erba alla composizione di grandi covoni di fieno.

Albergo Diffuso Borgo Soandri

Albergo Diffuso Borgo Soandri – ph. credit Elia Falaschi/Alice Durigatto © 2013

Un compito che era appannaggio principalmente del mondo femminile e che verrà riproposto da gruppi di donne di Sutrio vestite con gli abiti tradizionali, affiancate da uomini e bambini, pure in costume.

Dalla mattina alle 9.30 fino al pomeriggio nei prati dello Zoncolan (tappa ormai mitica del Giro d’Italia) si susseguiranno le varie fasi della fienagione: gli uomini che finiscono di falciare l’erba; le donne che sparpagliano il fieno e poi, a mezzogiorno, si siedono all’ombra degli alberi per rifocillarsi con la cjacule (il rustico pranzo al sacco, racchiuso in un grande fazzoletto di tela a mo’ di sacchetto); e poi ancora le donne che raccolgono il fieno in altissimi covoni.

A fare da contorno a “Fasjn la mede” passeggiate naturalistiche alla scoperta delle erbe di montagna, biciclettate, musiche e balli tradizionali attorno ai covoni, giochi e esibizione di gruppi di bambini che giocheranno con il fieno e un originale percorso gastronomico-naturalistico negli stavoli (le caratteristiche baite col tetto a spiovente della Carnia) dello Zoncolan.

In ciascuno di essi si degusterà un piatto tradizionale, preparato seguendo le ricette dell’indimenticabile chef Gianni Cosetti: aperitivo con frittatine e salam, frico con polenta e cjapus cu las frices, selvaggina polente e fagioli, i classici orzo e fagioli, orzotto, luanie fumade, vari tipi di dolci, lo sciroppo di sambuco e frutti di bosco e un particolare the alle erbe carniche

lunedì 9 luglio 2018/Autore: Indexfood/Numero di visualizzazioni (42)/Commenti (0)/
Tags:

Il giro del Lago di Resia, per condividere un momento speciale con Mela Val Venosta

Il giro del Lago di Resia, per condividere un momento speciale con Mela Val Venosta
IndexFood.

14 luglio 2018, Curon Venosta (BZ)

logo Val venosta

Save the date per sabato 14 luglio 2018, data in cui si svolgerà la 19ma edizione della corsa podistica tra le più spettacolari ed attese da tutti gli sportivi ed amanti della natura: “Il Giro del Lago Resia”.

Il Giro del Lago di Resia, in origine era una semplice gara podistica per adulti, mentre oggi è un’esperienza di condivisione e divertimento per tutti sia grandi che piccini! Il percorso principale è di 15,3 km e si estende lungo tutto il perimetro del lago.

Giro del Lago di Resia

La partenza e l’arrivo sono a Curon, situata a 1.450 m. di altitudine, dove si trova il campanile storico in mezzo alle acque del lago. La corsa è accessibile sia ai runner esperti che ai meno competitivi, nonché a Handbiker e Nordic Walker.

Tra le tante attività proposte vi segnaliamo vari appuntamenti tar cui la “Corsa delle Mele”: un momento di svago per bambini e adolescenti che si cimenteranno in percorsi adatti alla loro età, tra divertimento ed allegria.

Mentre, per tutti coloro che desiderano un allenamento tutto corpo che fa lavorare la muscolatura superiore e inferiore è il “Nordic Walking”, nato originariamente come metodo di allenamento dei fondisti e alpinisti. “Just For Fun”, invece, è la gara non competitiva per tutti coloro che vogliono godersi il panorama del Lago di Resia senza quella pressione da runner professionisti né qualifica, ma con la novità 2018 che tutti partecipanti verranno cronometrati.

In questa giornata così speciale ci sarà anche Mela Val Venosta con le sue amiche Coccinelle, per condividere insieme a grandi e piccini un’occasione imperdibile e per regalare una ricarica di benessere.

La mela è un frutto genuino, facilmente digeribile, dissetante e assolutamente sano che aiuta a vincere la fatica donando nuove energie, grazie ai sali minerali in essa contenuti.

Nuovo bollino Val Venostalunedì 9 luglio 2018/Autore: Indexfood/Numero di visualizzazioni (33)/Commenti (0)/

Tags:

Agrietour: ad Arezzo Fiere il modello di formazione per l’agriturismo

Agrietour: ad Arezzo Fiere il modello di formazione per l’agriturismo
IndexFood.

Dall’accoglienza alle attività multifunzionali: il modello agrituristico italiano ha fatto scuola nel mondo per il settore. Ad AgrieTour l’unico momento per la formazione del settore con master e approfondimenti per migliorare l’offerta di un settore che vale oltre un miliardo di euro all’anno

logo AgrieTour

Da tutto il mondo per “imparare” l’accoglienza in campagna. Il modello agrituristico italiano negli anni ha fatto da vero e proprio format per tanti Paesi che negli anni si sono avvicendati per scoprire i segreti di un settore che ha cambiato il modo di vivere l’Italia a partire proprio da uno dei valori più importanti: l’agricoltura e la campagna. Il segreto del successo: la formazione.

La riflessione arriva dagli organizzatori di AgrieTour, il Salone nazionale dell’agriturismo e dell’agricoltura multifunzionale che tornerà ad Arezzo Fiere e Congressi dal 15 al 16 novembre prossimi con una versione rinnovata. «Da oltre quindici anni abbiamo creato uno strumento di miglioramento per tutte le imprese del settore che ad AgrieTour oltre ad ampliare la propria offerta l’hanno potuta migliorare grazie ai momenti di formazione e di crescita – spiega il presidente di Arezzo Fiere, Andrea Boldi – con i master e i seminari tenuti dai massimi esperti delle materie che si intersecano a questo mondo».

I master di AgrieTour. Dalla legislazione alla promozione via web, passando per le pratiche sostenibili fino ad arrivare all’agricoltura sociale. Sono solo alcuni delle decine di argomenti trattati negli anni di AgrieTour e che anche quest’anno dal 15 al 16 novembre gli operatori del settore potranno ritrovare all’interno dell’unico appuntamento italiano pensato proprio per la crescita dell’offerta. In programma quest’anno appuntamenti sulle tecniche di analisi e valutazione della customer satisfaction; ancora sui modelli di turismo esperienziale.

AgrieTourL’importanza dello storytelling della propria azione e come incrementare il fatturato del 20% in poche mosse. Ancora l’innovazione tecnologica nei laboratori alimentari o come promuovere l’analisi sensoriale nell’approccio con il cliente. Alcuni master affronteranno invece l’importanza della gestione dei social network, poi la ristorazione leggera e la somministrazione di prodotti tipici. Infine come sviluppare la fattoria didattica e alcuni saggi sull’educazione nutrizionale.

Il nuovo format di AgrieTour. Si parte dal fiore all’occhiello di AgrieTour, il workshop B2B, potenziato il modello che vedrà ancora una selezionata e cospicua presenza di buyer provenienti da tutto il mondo interessati a s

lunedì 9 luglio 2018/Autore: Indexfood/Numero di visualizzazioni (28)/Commenti (0)/
Tags:

Brands Award 2018: D’Amico trionfa con i “Vasi d’Autore”

Brands Award 2018: D’Amico trionfa con i “Vasi d’Autore”
IndexFood.

Brands Award 2018
D’Amico trionfa con i “Vasi D’Autore”, la collezione limited edition che sposa gusto e design

logo D'Amico

Giovedì 5 luglio a Milano si è svolta la premiazione del Brands Award 2018, promosso e organizzato da GDOWEEK e da MARK UP, su dati forniti da IRI e da GFK, dedicata alle migliori iniziative realizzate dalle marche dei beni di largo consumo.

Vasi d'Autore D’Amico trionfa nella categoria Alimentari Confezionati, sezione “New Entry“, dedicata ai prodotti lanciati nei primi mesi del 2018, con i “Vasi d’Autore“, la limited edtion che quest’anno celebra i cinquant’anni di vita dalla fondazione dell’Azienda.

Con questa vittoria D’Amico dimostra ancora una volta la sua vicinanza al mondo dell’arte e della creatività: la collezione “Vasi d’Autore” rappresenta, infatti, un’innovazione che lega il gusto unico delle materie prime accuratamente selezionate con il design contemporaneo.

L’azienda esprime il suo estro creativo attraverso un prodotto che, una volta terminato, trova una nuova vita all’interno delle nostre case come un particolare contenitore in cui riporre spezie, zucchero e caffè o come oggetto di design per arricchire l’arredamento della nostra casa.

Con i Vasi D’autore, D’Amico conferma lo slancio verso l’innovazione che da sempre lo distingue sul mercato e promuovendo, allo stesso tempo, partiche di riuso nel rispetto della sostenibilità ambientale.

Brands Award 2018A ritirare il premio è stata Maria D’Amico, Marketing

venerdì 6 luglio 2018/Autore: Indexfood/Numero di visualizzazioni (40)/Commenti (0)/
Tags:
RSS
First 45678910111213 Last