Background Color:
 
Background Pattern:
Reset
it-ITen-US
it-ITen-US
Ricerca

News di settore - da Indexfood.it

Bivalvia Veneto: ottenuta la prima certificazione MSC in Italia e in tutto il Mediterraneo

Bivalvia Veneto: ottenuta la prima certificazione MSC in Italia e in tutto il Mediterraneo
IndexFood.

La OP Bivalvia Veneto Società Cooperativa ha ottenuto la certificazione MSC per la pesca delle vongole in Alto Adriatico, che è stata giudicata sostenibile e ben gestita in seguito ad una valutazione condotta dal certificatore indipendente DNV-GL

logo Bivalvia Veneto

La OP Bivalvia Veneto Società Cooperativa ha ottenuto la certificazione MSC per la pesca delle vongole in Alto Adriatico, che è stata giudicata sostenibile e ben gestita in seguito ad una valutazione condotta dal certificatore indipendente DNV-GL.

Si tratta della prima attività di pesca a ricevere la certificazione non solo in Italia, ma in tutto il bacino del Mediterraneo.

Composta da una flotta artigianale, OP Bivalvia, raggruppata nel Consorzio di Gestione Vongole (Co.Ge.Vo), opera nei distretti marittimi di Venezia e Chioggia, e tutte le barche associate rientrano nella certificazione.

La vongola (Chamelea gallina) è un mollusco marino bivalve tra le principali specie che caratterizzano i fondali sabbiosi nell’area dell’Alto Adriatico tra i 3 e i 12 metri di profondità.

STOCK IN SALUTE

«In questa attività di pesca lo stock è monitorato regolarmente ed è stata messa in atto una strategia di gestione per assicurarne la sostenibilità sul lungo termine. E’ importante sottolineare che la certificazione non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza in una gestione della pesca improntata al costante miglioramento, anno dopo anno», dichiara Francesca Oppia, Program Manager per l’Italia.

Le barche da pesca che rientrano nella certificazione misurano tra 11 e 15 mt e l’equipaggio è composto da una media di 2,5 membri ciascuna. La pesca è limitata a 4 giorni alla settimana (con sabato e domenica fermo obbligatorio) e a un limite giornaliero di catture pari a 400 Kg per barca.

L’ammontare annuale delle catture si attesta intorno a 4,600 tonnellate (media 2016-2017), ovvero il 26% della produzione nazionale.

Il consumo del prodotto è per il 95% fresco e nazionale. Il 5% viene surgelato.

Nel 2009-2011 la risorsa è stata interessata da una moria di massa, ma oggi si è ristabilita ed è in buone condizioni. Il trend della biomassa delle vongole sopra i 20 mm è piuttosto stabile. Anche lo sforzo da pesca è costante negli ultimi anni.

TAGLIA MINIMA

OP Bivalvia Venetomercoledì 18 luglio 2018/Autore: Indexfood/Numero di visualizzazioni (22)/Commenti (0)/

Tags:

Valfrutta Fresco promuove le drupacee di qualità premium

Valfrutta Fresco promuove le drupacee di qualità premium
IndexFood.

In occasione del “Mese della Frutta” in programma al Parco FICO di Bologna
Tre week end dedicati a pesche, nettarine, albicocche e susine, frutti simbolo della stagione estiva, ideali per combattere la canicola con una pausa gustosa e rinfrescante

valfrutta fresco

C’è anche Valfrutta Fresco tra i protagonisti del “Mese della Frutta”, la colorata iniziativa promossa all’interno di FICO Eataly World di Bologna per far conoscere ai visitatori del più grande Parco mondiale dedicato all’Agroalimentare le caratteristiche ed il sapore della migliore frutta italiana di qualità.

Tutto ciò in luglio, quando inizia a tutti gli effetti l’estate, tradizionalmente considerata la stagione della frutta, che in questo periodo costituisce in assoluto uno degli alimenti più presenti sulle tavole degli Italiani. Una piacevole proposta, rinfrescante e gustosa, ideale per combattere con successo la canicola estiva.

Valfrutta DrupaceeDopo il buon riscontro registrato nel primo fine settimana (dal 6 all’8 luglio), quando un vasto pubblico ha affollato il Parco del Cibo, mostrando grande apprezzamento per i prodotti distribuiti da Valfrutta Fresco e notevole interesse per le locandine illustrative e per il video promozionale sulla storia e l’attività della società, l’iniziativa sarà replicata nei week end dal 20 al 22 e dal 27 al 29 luglio.

“Anche in queste occasioni – dichiara il direttore generale Stefano SoliValfrutta Fresco proporrà ai visitatori di FICO un’ampia gamma di prodotti come pesche, nettarine, albicocche e susine, frutti estivi per eccellenza, confezionati in padelle o cestini personalizzati con lo storico brand”.

“Questo marchio – prosegue Soli – ‘firma’ un’offerta completa di ortofrutta fresca 100% italiana ottenuta soltanto nelle aree più vocate del paese con tecniche di coltivazione moderne e rispettose dell’ambiente e della salute dell’uomo. Una scelta naturale in quanto da oltre 30 anni Valfrutta è sinonimo di genuinità e di qualità, garantite da un sistema di rintracciabilità che consente di conoscere l’intero percorso dei prodotti, dalla campagna al punto vendita, e che solo la filiera cooperativa può assicurare”.

mercoledì 18 luglio 2018/Autore: Indexfood/Numero di visualizzazioni (22)/Commenti (0)/

Tags:

Apofruit presenta i futuri progetti per i kiwi in Calabria

Apofruit presenta i futuri progetti per i kiwi in Calabria
IndexFood.

Apofruit Italia stila un bilancio di successo e presenta le nuove linee di sviluppo. Incontro pubblico venerdì alla presenza del presidente della Regione Calabria Gerardo Mario Oliverio

logo Apofruit

Parte dai successi ottenuti nell’ultimo anno su questo territorio l’incontro pubblico previsto per venerdì 20 luglio alle ore 17 nella Biblioteca Comunale “Vincenzo De Cristo” di piazza Calvario a Cittanova (RC).

Al centro del summit, organizzato da Apofruit Italia, ci saranno le nuove strategie di sviluppo e gli ambiziosi obiettivi che la cooperativa ha elaborato per il kiwi, prodotto d’eccellenza che ha trovato in questo territorio ottime condizioni pedoclimatiche, grandi professionalità e competenze.

L’incontro sarà moderato da Mirco Zanotti, presidente di Apofruit Italia che oltre a presentare i dati del Gruppo illustrerà gli strumenti che la cooperativa mette a disposizione dei propri soci produttori;

APOFRUIT ESEC Kiwiè previsto inoltre l’intervento del direttore generale del Gruppo Apofruit, Ilenio Bastoni, che si focalizzerà sulle nuove strategie per il kiwi del territorio; seguirà poi la relazione dal tecnico di Apofruit Italia Fabio Marocchi che si concentrerà sulle tecniche agronomiche per il miglioramento qualitativo del prodotto e il contenimento degli effetti del batterio Psa. Concluderà l’iniziativa il presidente della Regione Calabria Gerardo Mario Oliverio.

“In questi anni – commenta il presidente di Apofruit Mirco Zanotti – abbiamo avuto un significativo sostegno da parte delle istituzioni che hanno contribuito all’aggregazione dei produttori intorno a progetti specifici come quello della produzione di kiwi, una coltivazione che rappresenta una fonte di reddito importante per i coltivatori”.

“La produzione del kiwi di Apofruit in questo territorio – informa il direttore generale del Gruppo Apofruit Ilenio Bastoni – rappresenta, con oltre 30.000 quintali, il 15% della nostra intera produzione. Inoltre – continua Bastoni – occorre sottolineare che il kiwi qui coltivato è per il 50% biologico”. L’incontro di venerdì ha anche lo scopo di illustrare le linee strategiche su questa coltura, dall’innovazione varietale alle tecniche agronomiche per ottimizzare quantità e rese produttive.

mercoledì 18 luglio 2018/Autore: Indexfood/Numero di visualizzazioni (21)/Commenti (0)/

Tags:

Confagricoltura: nuove opportunita’ per le aziende del sociale

Confagricoltura: nuove opportunita’ per le aziende del sociale
IndexFood.

Al via la terza edizione del concorso “Coltiviamo agricoltura sociale” e il nuovo bando “Tesori”, in collaborazione con Fondazione Snam

logo Confagricoltura

Incentivare l’agricoltura sociale per favorire e accompagnare lo sviluppo di attività imprenditoriali in grado di coniugare sostenibilità e innovazione. E’ questo l’obiettivo dei due bandi che saranno online il 23 luglio sulla piattaforma www.coltiviamoagricolturasociale.it istituiti da Confagricoltura e Onlus Senior-L’Età della Saggezza, con Intesa Sanpaolo, e da Fondazione Snam.

In ambedue i casi è prevista la partecipazione attiva della Rete Fattorie Sociali e la collaborazione dell’Università di Roma Tor Vergata.

I concorsi, a valenza nazionale, sono dedicati a imprenditori e cooperative agricole e sociali per sviluppare il potenziale dell’agricoltura nell’ambito sociale, con un occhio attento al rafforzamento e allo sviluppo di servizi socio educativi e/o socio assistenziali già esistenti e alla sperimentazione di nuovi attraverso la costruzione di reti e partenariati tra i diversi attori territoriali.

logo ConfagricolturaNello specifico i due concorsi sono così articolati:

“Coltiviamo Agricoltura Sociale:

I progetti a valenza nazionale, che concorrono ai tre premi di 40.000 euro ciascuno più 8 borse di studio per la partecipazione al Master interdisciplinare sull’Agricoltura sociale, dovranno distinguersi per innovazione, capacità di risposta a criticità del territorio, esempi concreti di integrazione.

Dovranno riguardare i minori e i giovani in situazione di disagio sociale, gli anziani, i disabili e gli immigrati che godono dello stato di rifugiato e richiedenti asilo.

“Tesori” – TErre SOlidali in Reti Inclusive.

Il concorso si rivolge ad Enti del Terzo Settore, società benefit, imprese agricole sociali, enti pubblici e start-up innovative a vocazione sociale e ha l’obiettivo di realizzare progetti in grado di generare impatti positivi per i territori in termini di sviluppo locale e sostenibilità ambientale ed economica.

Per i vincitori è prevista la concessione di terreni di proprietà di Snam nei Comuni di Rimini, Palù e Ronco all’Adige in comodato d’uso gratuito per dieci anni, contributi in denaro, attività di mentoring e borse di studio per il Master on-line in Agricoltura Sociale organizzato dall’Università di Roma Tor Vergata.

E’ possibile partecipare a entrambi i bandi. Tutt

mercoledì 18 luglio 2018/Autore: Indexfood/Numero di visualizzazioni (34)/Commenti (0)/
Tags:

Eventi a Grottaglie (TA). 6 e 7 maggio orecchiette nelle ‘nchiosce

Eventi a Grottaglie (TA). 6 e 7 maggio orecchiette nelle ‘nchiosce
IndexFood.

Al via la grande kermesse della ‘regina’ pugliese
A Grottaglie (TA) la settima edizione nel quartiere delle Ceramiche
Ricette in tutti le salse con 9 chef. Percorsi enologici e tanta musica

logo Orecchiette nelle 'nchiosce

Orecchiette per tutti i gusti e in tutte le salse: quelle con mandorle e fichi neri, gluten free, con la percoca, al ragù di cinghiale bianco, con le cozze tarantine fino a quelle tradizionali con le rape.

Inoltre, per dare un ulteriore tocco di originalità, ci saranno anche quelle al vincotto, con bacche di ginepro e con polvere di tarallo.

orecchiette Queste alcune prelibate ricette che proporranno i 9 chef protagonisti della settima edizione di Orecchiette nelle ‘nchiosce.

Quest’anno il grande evento enogastronomico di Grottaglie (TA), in programma lunedì 6 e martedì 7 agosto, si trasferisce nel famoso quartiere delle Ceramichecon percorsi gastronomici.

E gli intrepreti dei piatti saranno tutti made in Grottaglie, con alcuni di loro che, lavorando in giro per l’Italia, in questa occasione unica si uniranno per portare la loro esperienza interpretando la regina delle tavole pugliesi, l’orecchietta.

In due giorni sarà possibile degustarla in svariate ricette, in un percorso di gusto che partendo dalla tradizione approderà alle più recenti rivisitazioni.

Saranno poi le cantine grottagliesi e un birrificio artigianale ad esaltare la maestria degli chef e, quindi, con mappa in una mano e calice nell’altra, si andrà alla scoperta dei vari stand.

orecchietteNon solo enogastro

mercoledì 18 luglio 2018/Autore: Indexfood/Numero di visualizzazioni (23)/Commenti (0)/
Tags:
RSS
12345678910 Last